TEATRO MARRUCINO DI CHIETI

Il Real Teatro San Ferdinando, in onore a Ferdinando I di Borbone, Re di Napoli e delle Due Sicilie, venne aperto l’11 gennaio 1818 con una sfarzosa festa da ballo e con la Cenerentola di Rossini.
Nel giugno del 1861 il teatro prese il nome di Teatro Marrucino, in ricordo dell’antica popolazione italica che abitava la città preromana, l’antica Teate, e costituisce un importante centro culturale e di aggregazione per tutta la provincia di Chieti e la Regione Abruzzo, oltre ad essere la sede della Deputazione Teatrale Teatro Marrucino.

Dal 1818 le scene del Marrucino sono state calcate, infatti, dagli artisti più illustri del panorama culturale italiano a partire da Eleonora Duse, Emma ed Irma Gramatica, Cesco Baseggio, Nicola Rossi Lemeni, Nanda Primavera, per ricordarne solo alcuni, e hanno visto la realizzazione di opere straordinarie (tra le quali la prima abruzzese de La Figlia di Iorio, messa in scena nel 1904 da Gabriele D’Annunzio).
Il Teatro Marrucino ha sempre avuto, infatti, un cartellone lirico tale da essere considerato punto di riferimento per tutto l’Abruzzo: nella sua lunga attività il teatro ha ospitato più di 190 opere e sono state realizzate più di mille serate dedicate ad opere liriche contribuendo alla diffusione culturale dell’opera lirica nella Regione. Grazie a questo impegno nel 2001 ha acquisito il riconoscimento di Teatro Lirico d’Abruzzo e nel 2003 di Teatro di Tradizione.

Venti Lucenti, a dicembre 2023, porterà in scena al Teatro Marrucino Alice da Le avventure di Alice nel paese delle meraviglie di L. Carroll. Lo spettacolo, che vede in scena studenti delle scuole di Chieti, rappresenta il momento finale di un progetto promosso da AGIS (Associazione Generale Italiana dello Spettacolo) e AGIS SCUOLA finanziato dal Ministero della Cultura.

X